Un vero Maestro vivente

Tutto è iniziato nel 2000. Stavamo cercando qualcosa di diverso ma non sapevamo esattamente cosa. Mio marito, Mahanidhi, aveva segretamente pensato di iniziare la meditazione. Per me, iniziare a meditare è stato come un “mattone che mi cadde in testa”. Dalla mattina alla sera, nient’altro aveva alcuna importanza. Era successo qualcosa dentro di noi, ma non sapevamo cosa dovevamo fare.

A quel tempo lavoravo vicino a una libreria spirituale / esoterica e ogni giorno portavo a casa due o tre libri. Abbiamo trascorso ore e ore a leggerli avidamente. Nel frattempo frequentavamo sessioni di meditazione nella stessa libreria. Era bello ma abbastanza statico. Non ci ha portato da nessuna parte.
La nostra insoddisfazione stava crescendo. Volevamo un vero Maestro, un Maestro vivente di alto livello. Piangevo ogni giorno perché non ero nata nell’era del Buddha, un vero Maestro. Invece vivevo in un periodo privo di grandi Maestri. La nostra vita mi sembrava amara e mi è sembrato difficile andare avanti.

Abbiamo deciso di muoverci e cambiare la nostra vita. Abbiamo cercato di trovare una comunità spirituale sotto la guida interiore di un Maestro e lavorare per il nostro miglioramento spirituale. Ogni fine settimana andavamo qua e là, ma nessuna comunità spirituale toccava davvero i nostri cuori. Abbiamo visitato tutti i luoghi spirituali più stimolanti in Italia, da nord a sud.

Eravamo molto stanchi e scoraggiati, ma finalmente sentivamo che le nostre uniche possibilità erano Auroville in India e una bella comunità in Scozia. Abbiamo scelto l’India perché speravamo di poter trovare lì un Maestro vivente. Se ciò fosse stato impossibile, avremmo potuto decidere di rimanere ad Auroville, dato che Sri Aurobindo era stato un grande Maestro ed Auroville era ispirato a lui.

Nel frattempo, prima di partire per l’india abbiamo trovato un corso di meditazione gratuito tenuto da uno studente di Sri Chinmoy. L’insegnante in carica parlava di Guru, ma non capivamo bene chi fosse veramente. Inoltre, viveva a New York – un posto così poco spirituale! Avevamo comunque fatto richiesta di essere discepoli di Sri Chinmoy, in quanto quello era stato il corso che ci aveva ispirato di più e dove avevamo sentito qualcosa di profondo; ma nei nostri cuori pensavamo che ci saremmo sicuramente trasferiti in India e lì trovato un Maestro spirituale.

L’insegnante ci disse che Sri Chinmoy sarebbe probabilmente stato a Pondicherry durante quel periodo. Il posto dove alloggiava con i suoi fratelli e sorelle era molto vicino ad Auroville. Abbiamo pensato che sarebbe stato bello incontrarlo lì. Mi licenziai dal mio lavoro e Mahanidhi si prese due mesi di vacanza.

Ad Auroville abbiamo trovato molti simpatici cercatori, ma nessuno che potesse darci consigli su un “vero Maestro”. Abbiamo deciso di andare all’Ashram Sri Aurobindo. Sri Chinmoy sarebbe sicuramente lì. Quando l’abbiamo detto ad un signore nell’Ashram, è stato molto felice di sapere che Sri Chinmoy stava arrivando. Ha detto: “Sono un amico di Sri Chinmoy” e ha insistito per inviarci in ufficio, dove un incaricato poteva darci l’indirizzo del fratello di Sri Chinmoy. Sri Chinmoy potrebbe essere a casa di suo fratello. Non volevamo disturbare nessuno, ma quest’uomo ha insistito.

Così Mahanidhi rimase nel giardino, e io entrai nell’ufficio dell’Ashram e chiesi al responsabile. L’ho trovato e gli ho detto che Sri Chinmoy stava arrivando. Era felice e ci scrisse il numero di telefono di Mantu, il fratello di Sri Chinmoy. Non volevo telefonare e disturbarlo, ma lui ha insistito e insistito molte volte. Spiegò anche come raggiungere la casa di Mantu. Quindi l’ho ringraziato e sono uscita.

Quando abbiamo raggiunto Auroville, non abbiamo chiamato per due giorni. Dopo ciò abbiamo deciso di chiedere se Sri Chinmoy fosse lì o no. Mahanidhi ha chiamato. Rispose Mantu.

“Ciao. Ho seguito un corso di meditazione Sri Chinmoy in Italia. So che Sri Chinmoy potrebbe essere lì. Possiamo venire lì?”
“Vieni vieni!”
“Ma … c’è Sri Chinmoy lì?”
“Vieni vieni!”
Mantu non ci diceva che Guru non c’era; voleva solo accoglierci.
“Ma quando?”
“Quando vuoi!”

Abbiamo aspettato altri due giorni prima di decidere di andare. Altri due cercatori italiani che abbiamo conosciuto ad Auroville volevano unirsi a noi, così come il ragazzo che collega l’Italia ad Auroville. Era molto entusiasta. Ci ha detto: “Sri Chinmoy? Oh, è un Avatar! Che bella fortuna incontrarlo!”

“Chinmoy” era chiaramente scritto sul muro vicino alla porta d’ingresso. Mahanidhi guardò dentro. Dalla porta vide Mantu seduto alla fine del corridoio. Mantu lo guardò e gli fece cenno di entrare.
Siamo entrati e l’abbiamo incontrato. Era molto felice e radioso. Ha iniziato a parlare di Sri Chinmoy, mostrandoci foto ovunque e parlando rapidamente in un buon inglese. Il suo entusiasmo era come un bambino che parla del suo grande padre. Era il miglior ammiratore di Sri Chinmoy. Era molto felice di parlare di lui con un orgoglio che non è mai diminuito. Ci disse che Sri Chinmoy non era lì perché in realtà era con il presidente Gorbachev. Abbiamo ascoltato molte cose sul passato e sul presente di Sri Chinmoy. Una donna gentile ci ha servito cibo e bevande.

 

Dopo averci mostrato tutte le stanze, Mantu ci chiese di meditare nella sala di meditazione al primo piano, ma ci vergognavamo di disturbare un luogo così sacro. Ha insistito e ha insistito, quindi alla fine siamo entrati. Abbiamo meditato in una piccola stanza con le foto di Sri Aurobindo. Abbiamo ricevuto prasad (cibo benedetto), quindi abbiamo ringraziato Mantu e siamo partiti con gratitudine. Mantu e la donna che ci ha servito erano incredibilmente gentili.

Tuttavia non riuscivamo a capire chiaramente chi fosse veramente Sri Chinmoy. Non ci rendemmo conto che l’occasione stava bussando alla nostra porta nella nostra città proprio in quel momento.

Artwork by Sri Chinmoy