Mantra & Japa

 

“Il mantra è una forza dinamica sotto forma di suono”.

Un mantra è una parola o frase che porta con sé un potere nascosto. Se riesci a ripetere il mantra in modo focalizzato e mentale, puoi ottenere quel potere da esso. La parola “mantra” potrebbe essere stata ascoltata da ognuno di noi, oppure la utilizziamo spontaneamente per qualcosa che spesso ripetiamo, sia essa spirituale e stimolante o meno. . Il maestro spirituale scava nel silenzio della sua esistenza interiore e porta in superficie il mantra sotto forma di parole o dell’intero canto. Un tale mantra ha quindi un potere reale e possiamo ottenere qualcosa da esso. Ci sono stati mantra conosciuti e usati per migliaia di anni, come il Gayatri Mantra, ma anche mantra del nostro tempo.

Il mantra è molto utile quando non riusciamo a concentrarci e meditare. Aiuterà a calmare la mente e ad entrare in essa. Quando la nostra mente è irrequieta, non dobbiamo esserne infastiditi: è un’opportunità per usare il mantra. Possiamo ripetere il mantra Aum o qualsiasi mantra più complicato che ci piace per alcuni minuti. Tuttavia, è molto importante ripetere ad alta voce il mantra. Può essere non troppo ad alto volume che l’intera casa ci ascolti, ma dobbiamo sentirci. La nostra sola voce crea una vibrazione dentro di noi su cui ci concentriamo spontaneamente, senza troppi sforzi. Non è così importante essere bravi cantanti o no, l’importante è essere consapevoli del mantra in ripetizione.

Aum bhur bhuvah swat
Tat savitur varenyam
Bhargo Devasya Dhimahi
Dhiyo yo nah pracodayat

Meditiamo su tutto al di là della gloria dell’Altissimo,
Che dimora nel cuore della terra, nella vita del cielo e nell’anima del cielo.
Che possiamo illuminare le nostre menti.

~ Gayatri Mantra, un antico mantra vedico

Il problema, tuttavia, è come ripetere il mantra coscientemente e mentalmente . Ripetendo solo parole come un pappagallo, non otteniamo nulla. Dobbiamo gradualmente entrare in empatia con il mantra. Immaginiamo che suoni nel nostro cuore spirituale . All’inizio non è facile perché potremmo non ricordare ancora le parole o la melodia, ma mentre ripetiamo il mantra ancora e ancora, smettiamo di pensarci e la sua energia ci trasferisce spontaneamente nel cuore . Si tratta quindi di imparare a memorizzare il mantra e durare abbastanza a lungo da potersi unire con la sua energia. A volte non riusciamo a farlo per la prima volta, ma non scoraggiamoci e proviamo di nuovo lo stesso mantra il giorno successivo. Man mano che ci abituiamo, iniziamo a percepire il significato interiore . Tuttavia, bisogna stare attenti a non prendere il canto del mantra come una routine, qualcosa che già conosciamo e a cui non dobbiamo prestare attenzione! Dobbiamo sempre cercare di trovare qualcosa di nuovo nel mantra, una realtà nuova e più profonda.

Un altro effetto significativo della ripetizione dei mantra è quello di purificare le varie parti del nostro essere, in particolare la mente e le emozioni. Durante le nostre attività quotidiane, raccogliamo molte cose inutili e distruttive che non ci avvantaggiano in alcun modo. Proprio come ci liberiamo delle impurità fisiche ogni giorno quando facciamo la doccia, dovremmo sbarazzarci di pensieri negativi ed emozioni negative. L’esercizio seguente è appropriato per questa purificazione.

Japa

Japa significa “ripetere il mantra”. Forse hai visto monaci di diverse tradizioni spirituali che usano perline solo per contare su quante volte ripetono il mantra. Possiamo fare a meno delle perle, ma puoi usarle se vuoi. Esistono altri modi per eseguire il mantra japu, ma qui daremo una semplice variante.

Per prima cosa scegliamo un mantra da ripetere. Se non sappiamo cosa, possiamo provare Aum [o: m] o Yam [ja: m] . Il primo giorno ripeteremo il mantra 50 volte, il secondo giorno 60 volte, il terzo giorno 70 volte, fino a 120 ripetizioni. Ogni ripetizione potrebbe non essere lunga, ma sentiamo i nostri cuori. In 120 ripetizioni ci vorranno circa 10 minuti. I prossimi giorni iniziamo a ridurre il numero di ripetizioni, cioè 110, 100, 90, fino a 50. E poi ripetiamo di nuovo l’intero ciclo. Se un giorno dimentichiamo questo esercizio, saltiamo quel giorno e continuiamo come se non avessimo dimenticato l’esercizio. Contiamo la ripetizione sulle nostre dita. Decine da una parte e unità dall’altra. Questo ci permetterà di non preoccuparci di quanti siamo. Quando commettiamo un errore, non succede nulla. Ma il conteggio ci tiene svegli. C’è meno rischio di ripetere meccanicamente il mantra.

Questo esercizio può darci molta nuova energia , quindi non è consigliabile farlo prima di andare a letto. Se ancora non sai come farlo, o vuoi iniziare con un gruppo di persone, puoi provare uno dei nostri corsi di meditazione in cui sicuramente apparirà il mantra e Japa.